La dogana

Anni fa venni fermato alla dogana di Chiasso mentre portavo in Italia dei dispositivi elettronici fabbricati da me in un laboratorio in Germania.

Il finanziere guardò quegli oggetti strani e mi chiese cosa fossero e, soprattutto, quanto potessero valere.

Io ovviamente gli nascosi che, se si considerava il costo delle apparecchiature con cui erano stati fabbricati, quei dispositivi dovevano valere diverse migliaia di euro ciascuno.

Cercai però di spiegare, nel modo più semplice possibile, cosa fossero:

Guardi, io prendo uno di questi oggetti, ci faccio passare una corrente… più o meno come se li attaccassi ad una batteria… e misuro la tensione che appare…

Lui mi interruppe dicendomi, incredulo:

Ma veramente la pagano per fare una cosa del genere?

Poi mi lasciò andare senza problemi.

Io mi vergognai un po’. Mi sembrò di rubare lo stipendio.

Advertisements
Pubblicato su scienza, tecnologia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: