Gli apprendisti stregoni

Oggi sono 70 anni dal lancio della prima bomba atomica su Hiroshima, in Giappone, seguito tre giorni dopo da un secondo lancio su Nagasaki. Le due bombe uccisero dalle 125.000 alle 250.000 persone, in gran parte civili. La metà, i più fortunati, morì immediatamente dopo l’esplosione.

Da allora, il dibattito sulla liceità etica di tale operazione non è mai cessato. Le bombe atomiche hanno accorciato la fine della guerra, risparmiando la vita di decine e centinaia di migliaia di militari e civili, o sono stati uno sfoggio eccessivo di potenza militare utile soprattutto a intimidire l’ex-alleato sovietico all’inizio della guerra fredda?

Non entrerò in questo dibattito: se centinaia di studiosi specializzati non sono riusciti a mettersi d’accordo in 70 anni, a che serve aggiungere un’opinione personale?

LIFE Magazine (mai pubblicato). Nagasaki, Japan, September 1945

LIFE Magazine (mai pubblicato). Nagasaki, Japan, September 1945

Un’altra questione calda riguarda il motivo per cui i fisici tedeschi non costruirono anche loro una bomba atomica. Prima della guerra la nazione dominante in campo scientifico, in particolare nella fisica, era proprio la Germania.1

I principali fisici, da Einstein a Schroedinger e Heisenberg, da Von Laue a Meitner, da Pauli a Sommerfeld, erano tutti tedeschi o austriaci. Anche il chimico più importante del’epoca, Otto Hahn, lo scopritore della fissione nucleare, era tedesco.

Perché allora gli scienziati tedeschi non riuscirono a costruire la bomba atomica prima degli americani e a vincere così la guerra? Tanto più che, tranne poche eccezioni (Von Laue e Hahn) erano tutti seguaci più o meno convinti del nazismo?

L’ipotesi più accreditata ritiene che gli scienziati, consapevoli delle conseguenze dell’esplosione di una bomba atomica, abbiano sabotato volontariamente il progetto, sottostimandone l’efficacia e la fattibilità di fronte ai gerarchi nazisti.

Probabilmente le cose sono andate diversamente.

Una cosa è padroneggiare i fondamenti teorici e sperimentali della fissione atomica, un’altra e ben diversa è realizzare un progetto che aveva bisogno di una enorme massa di scienziati e tecnici con competenze profondamente diverse. Non solo fisici e chimici, ma ingegneri, esperti di metallurgia, di idrodinamica e di calcolo, di esplosivi e di misure di radiazioni, e chissà quanti altri.

Inoltre, gli americani avevano a disposizione un territorio sterminato, dove impiantare un laboratorio supersegreto lontano da tutto e da tutti, creato appositamente per il Progetto Manhattan, il programma di ricerca che portò alla bomba atomica. Fare la stessa cosa in Europa, in piena guerra e mantenendo un segreto totale, sarebbe stato probabilmente impossibile.

E come poteva la Germania in guerra contro tutto il mondo occidentale, investire una somma enorme per un progetto la cui fattibilità era dubbia, distogliendola dalle indispensabili spese militari? Soprattutto quando la guerra stava rapidamente volgendo a favore degli alleati? Nonostante la sua potenza economica, è difficile pensare che avrebbe potuto permetterselo.

Gli Apprendisti Stregoni, Einaudi, 1971

Gli Apprendisti Stregoni, Einaudi, 1971

Per approfondire l’argomento non si può fare a meno di leggere Gli Apprendisti Stregoni: Storia degli scienziati atomici di Robert Jungk, un bellissimo libro pubblicato negli anni ’70 da Einaudi, purtroppo esaurito da tanti anni. Nonostante alcune imprecisioni ormai riconosciute, rimane un testo fondamentale per capire la nascita e lo sviluppo del progetto Manhattan.

Chi volesse procurarselo lo può trovare facilmente sulle bancarelle (fisiche o online) oppure su eBay. In alternativa può acquistare su Amazon l’edizione in inglese, Brighter than a Thousand Suns: A Personal History of the Atomic Scientists. I più avventurosi possono anche cercare sul web il pdf o l’ebook del volume in italiano. Non è molto legale, lo so, ma qui stiamo parlando di un volume esaurito da decenni e che probabilmente non verrà mai ristampato.


  1. Gli Stati Uniti diventarono il paese dominante nel campo della ricerca scientifica proprio a partire dalla seconda guerra mondiale, anche a causa delle leggi razziali che obbligarono tanti scienziati europei — Einstein, Fermi e Bohr su tutti — a fuggire negli Stati Uniti. 
Advertisements
Tagged with: , , , ,
Pubblicato su scienza
5 comments on “Gli apprendisti stregoni
  1. frix ha detto:

    Acc… non appena la lettura si fa davvero appassionante e interessante… termini il post 🙂
    Questa volta — per me — è troppo corto!

    Hai fatto bene a ricordare in questo modo una data in cui — comunque la si pensi — il nostro piccolo mondo è cambiato.

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Accidenti, per una volta che non ho voluto essere troppo prolisso, data l’osticità (si dirà così?) dell’argomento… Un vero bastian contrario! 😉

      Qua’è il punto che era appassionante e interessante?

      Mi piace

      • frix ha detto:

        Tutto.
        Ben scritto e curato.

        Come sappiamo, per averne parlato anche qui, il web in italiano — perlomeno molto di quello che frequento/conosco io — non mostra eccessiva cura o voglia di approfondire. Questo blog è in controtendenza, non conosco il flusso dei visitatori ma per parte mia sono molto soddisfatto di frequentarlo.

        Mi piace

  2. Sabino Maggi ha detto:

    Aggiungo un link molto interessante: Nukemap, ovvero cosa succederebbe se… la bomba di Hiroshima scoppiasse sul Colosseo? Ci sarebbero 110.000 morti e gli effetti arriverebbero fino a Castel Sant’Angelo da una parte e all’Università dall’altra.

    C’è anche la versione 3D che usa Google Earth e che mostra gli effetti tremendi dell’esplosione in modo ancora più chiaro.

    Tenete solo conto che l’accesso al sito è molto lento.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: