Cartellino rosso su Facebook

“Uno in meno! Sei fuori!”

No, non è Cracco che parla. Qualche giorno fa su Facebook mi hanno mostrato in rapida successione un cartellino giallo e un cartellino rosso, e in pochi minuti sono stato espulso da un gruppo. Fallo grave, gravissimo: diffusione di spam e violazione del regolamento del gruppo. Ecco la storia.

Poco social

La mia presenza sui social è decisamente scarsa. Uso WhatsApp per i messaggi ad amici o familiari perché è più comodo degli SMS. Skype e Slack sono (quasi solo) per il lavoro. Mi piace abbastanza Google+, ma ormai è quasi defunto. Ho iniziato da poco ad usare Twitter, anche se non ne capisco ancora molto il senso.

E poi c’è Facebook. Facebook non lo sopporto, però non si può non essere su Facebook e quindi ho un account anche lì (anzi due, troppi per i miei gusti). Il secondo l’ho creato come account di servizio di questo blog, dietro suggerimento di alcuni lettori. Inizialmente si chiamava Melabit, poi ho scoperto che andava contro le regole d’uso di Facebook e gli cambiato nome, creando una pagina apposita per il blog, di cui francamente non so bene che fare.

Insomma, è chiaro che su Facebook sono un noob, un niubbo, uno che ne sa molto poco (a che diavolo servirà un poke?) ma non ha nemmeno troppa voglia di imparare (che me ne importa di sapere cos’è un poke?). Lo uso al minimo, per ritrovare amici persi da tempo o per girellare a tempo perso su qualche gruppo dedicato ad argomenti che mi interessano: elettronica, audio, perfino R. Poca roba.

Parole parole parole1

Fra questi gruppi c’era Informatica News Italia, un gruppo chiuso2 dedicato alle, ehm, notizie di informatica, gestito da Frank De Franks. Da un gruppo (e per di più chiuso) con un nome così altisonante ci si aspetterebbero discorsi di un certo livello: notizie sulle principali conferenze del settore, discussioni su virtualizzazione, contenitori, sistemi distribuiti, magari qualcosa sugli strumenti di programmazione, le interfacce utente, l’usabilità.

Macché, su Facebook (e non solo!) l’informatica si riduce a Windows: vale la pena aggiornare il PC a Windows 10? che faccio se compare questo messaggio di errore? devo per forza installare un antivirus o va bene quello integrato in Windows?…

Informatica News Italia ha parecchi utenti ma, per fortuna, pochi post. Li leggevo ogni tanto qua e là e via, non valeva mai la pena approfondire.

Poi un giorno arriva finalmente una domanda più interessante della media:

non ho mai comprato un disco SSD oppure una memoria di massa M2 SATA. Mi potete consigliare dei box esterni di qualità che possano contenerle nel caso in cui le volessi usare come memoria esterna USB ? Consigli graditi anche su quale memoria comprare.

Il PC su cui installare l’SSD è vecchiotto, ha solo USB 2.0 e Firewire 400. Qualcuno suggerisce di installare un disco SSD M.2 direttamente sulla scheda madre, un prodotto di punta, che sarebbe però sottoutilizzato in un computer di qualche anno fa.

Per una volta (l’unica!) rispondo, suggerendo di inserire l’SSD in un box esterno e di collegarlo al PC tramite la porta Firewire, che assicura prestazioni decenti anche con computer datati.

Se hai un PC con porta Firewire, puoi usare quella. Io ne messo uno in un box esterno di qualità, che ha dato nuova vita al mio iMac del 2008 (per i dettagli leggi qui: https://melabit.wordpress.com/2014/03/02/una-transizione-memorabile/). Come ti hanno detto altri, [usare un SSD] con USB2 o SATA I non ha senso.

Di dischi SSD ho scritto più volte su questo blog, non voglio rispiegare tutto nella mini-finestra dei post di Facebook e quindi metto il link ad uno degli articoli in cui ne ho parlato.

Chi ha fatto la domanda mi chiede un consiglio sul box da acquistare, preferibilmente Firewire 800 e USB3 (in modo da poterlo usare in seguito con altri PC). Guardo su Amazon e ePRICE, il box che avevo comprato è esaurito, ma ce ne sono di analoghi a prezzi decenti. Gli scrivo di spendere il meno possibile, tanto lo userà su un PC datato.

Insomma, nel gruppo va avanti per un paio di giorni un tranquillo scambio di messaggi. Il terzo giorno Franco Franchi mi informa seccamente che ho spammato, violando le regole del gruppo, perché nella prima risposta ho inserito il link ad un mio sito.

Spammato?

Il primo impulso è quello di cancellare il post incriminato, lo scrivo anche nel thread, ma puntualizzo di aver inserito il link incriminato solo per comodità e che lo spam è un’altra cosa.

Non l’ho fatto per farmi pubblicità, ma solo per evitare di ripetere cose già scritte. Se questo significa … spammare, evidentemente abbiamo idee ben diverse sul significato delle parole. Mi spiace, e mi secca, aver dato l’impressione di volermi fare pubblicità, ma credo che dal contesto sia facile capire che l’intenzione non era quella. Mi secca ancora di più investire del tempo per dare consigli tecnici ed essere pure considerato uno che vuole solo farsi pubblicità.

Apriti cielo! È un crescendo velocissimo.

13:05: allora non ti è chiaro, gli admin ti hanno informato della cosa senza nemmeno chiedere di rimuovere il link (eccezionalmente), tu continui a fare delle proteste.

13:07: chiamalo “spam”, “patate”, “carciofi” o come ti pare, sei stato informato che postare link da un proprio sito è vietato dal regolamento, ti è stato postato il regolamento e puoi leggerlo, ti è stato detto che nel tuo caso potevi anche non rimuovere il link, continui a far protesta.

13:11: lui “si secca” a perdere tempo per i suoi preziosi consigli tecnici, ed io per spiegargli che deve leggere il regolamento, uno in meno

Bum! Non ho il tempo o la possibilità di rispondere e Franco Franchi mi fa fuori dal gruppo. Cartellino rosso, nemmeno avessi spezzato le gambe dell’attaccante.

Morale?

Perché racconto tutto questo? Che mi importa di essere stato buttato fuori da Informatica News Italia?

Prima di tutto perché non mi piace la censura. Ho accettato tranquillamente il cartellino giallo, anche se non ne condividevo le motivazioni, ma trovo inammissibile poter esser buttato fuori da un gruppo (su Facebook o altrove) solo per aver espresso un’opinione contraria.

Poi c’è un motivo personale: non penso di certo, come sostiene Franco Franchi, che i miei consigli siano preziosi, però non si scrivono da soli e mi secca veramente perdere del tempo a rispondere o a cercare informazioni e finire pure per essere considerato uno spammer in cerca di pubblicità.3

Ma la cosa che mi ha colpito di più è la dimostrazione, per l’ennesima volta, della fondatezza della tesi di McLuhan che “il mezzo è il messaggio”, che quello che comunichiamo dipende dal mezzo che usiamo per comunicare. E che è la stessa struttura comunicativa del mezzo che suscita modi ben precisi di pensare e di comportarsi, modi che cambiano a seconda del mezzo di comunicazione che viene utilizzato.

Facebook va benissimo per mostrare la torta che si sta mangiando in questo preciso momento, per il meme buffo o pensoso, per passare un po’ di tempo a chattare. Ma è proprio il modo in cui è fatto il mezzo Facebook che rende obbligatorio il cazzeggio, con i messaggi che si susseguono veloci, che si accavallano uno dopo l’altro, senza fine. Via una foto, ecco il meme, poi l’augurio di compleanno ad uno sconosciuto, un’altro meme e un’altra foto… Del resto Facebook è nato per scegliere la ragazza più bella dell’università.

Facebook è puro divertimento, senza complessità. Inutile illudersi di poter usare Facebook per altro, per quello la rete offre mezzi ben più adatti, anche se tanti confondono Facebook con tutta internet (e non sanno cosa si perdono).

Facebook è informazione usa e getta. Informazione? (segue).


  1. William Shakespeare, Amleto e Alberto Lupo/Mina
  2. Un gruppo chiuso mi sembra è il contrario del concetto di social, ma tant’è. 
  3. Pubblicità? Ho perfino controllato, nei giorni in questione ci sono stati nove, dico 9, accessi da Facebook al blog, e non è nemmeno detto che provengano tutti da Informatica News. 
Annunci
Tagged with: , , , , , , ,
Pubblicato su società
29 comments on “Cartellino rosso su Facebook
  1. gioaietano69 ha detto:

    Secondo me passare a SSD fa sempre bene alla velocità di un computer, io l’ho fatto con un bus SATA2 e il macbook è rinato, lo consiglierei pure per un SATA1.
    Per quanto riguarda Facebook, io cerco di evitarlo mi sembra pieno di persone poco interessanti, usiamo questo eufemismo per non dire altro.
    Ti hanno però consigliato bene di esserci per il tuo blog, infatti quest’altro autore di cui seguo il blog lo consiglia in base all’analisi del suo traffico (cito : “Il 57% delle visite è arrivato tramite Google, il 17% sono visite dirette e un 13% da Facebook. Quindi, consiglio agli aspiranti divulgatori: o vi trova Google, o vi hanno messo nei preferiti, oppure se volete essere letti e visitati datevi da fare su Facebook, altrimenti non vi trova nessuno”, preso da qui: http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/02/04/scienza-in-cucina-nel-2015/ ).

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Qui le statistiche sono un po’ diverse. A spanne circa il 60% delle visite arriva tramite Google, il 5% da Facebook, il 5% da “altro” e il resto, ben il 30%, sono visite dirette. Ringrazio in particolare questi ultimi visitatori, che hanno la pazienza di venire periodicamente a vedere se c’è qualcosa di nuovo e, spero, di interessante.

      Mi piace

  2. frix ha detto:

    sono peggio di te. ho un vecchissimo account Twitter che uso un paio di volte l’anno (me funebre) e nessuno Facebook.
    per questi i di lavoro e comunicazione devo predisporne uno su quest’ultimo.
    ho trovato su issuu alcuni libri che ne spiegano il funzionamento, il galateo ecc…
    sto procrastinando ma sono quasi a tiro per dover iniziare.

    Mi piace

  3. eDue ha detto:

    E poi c’è Facebook. Facebook non lo sopporto, però non si può non essere su Facebook e quindi ho un account anche lì

    Prova vivente che si può.

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Sicuro che si può. Purtroppo qualche anno fa ho dovuto forzatamente creare un account anche su FB. Per svariati motivi, fra cui “controllare”, dietro input di mia moglie, quello che ci facevano le mie figlie (mai fatto realmente!) e comunicare con un conoscente all’estero il cui concetto di email si riduceva ai messaggi via di FB (e per fortuna, altrimenti non avrei nemmeno potuto mantenere il contatto).
      A chi riesce a non averlo non posso che dire “beato lui”, se ti fai prendere è una vera droga, basta guardarsi intorno per accorgersene.

      Liked by 1 persona

  4. MailMaster C. ha detto:

    Mi viene solo da pensare, una volta di più, che l’accesso indiscriminato ad Internet non ha portato proprio tutti questi benefici decantati. E che la morte delle BBS e di Usenet ha trascinato nella tomba anche la netiquette.
    Mi rendo sempre più conto che chi è passato per i suddetti sistemi di messaggistica si riconosce subito in rete. Chi non ha avuto questa fortuna… si riconosce ancora prima: 6 minuti, a giudicare il Frank De Franks.

    PS: senza Facebook si campa benissimo, soprattutto se non ci sono blog da gestire! Provare per credere! 🙂
    Twitter per alcune cose è comodo, in effetti, ma si rischia moltissimo l’effetto di ascoltare sempre le solite campane che ci confortano nelle nostre credenze.

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Condivido in pieno. La netiquette non esiste, se fa notare che ci sono delle regole anche per la rete ti guardano come uno zombie (o un vecchio decrepito). Ho dovuto anche smettere di rispondere alle email scrivendo “sotto” il messaggio quotato, perché tanti mi hanno detto più volte che non c’era scritto niente. In realtà si fermavano a guardare nella prima parte dell’email. Ora lo faccio solo con interlocutori “scelti”.

      Mi piace

      • MailMaster C. ha detto:

        Ah vabbeh, l’arte del quoting, questa sconosciuta! 🙂
        Fino a che ho potuto in azienda rispondevo alle email in txt con il simbolo di > per il quoting. Non ti dico le reazioni. :/

        Mi piace

        • Sabino Maggi ha detto:

          Questo a me non è mai successo. Forse perché i miei colleghi sono mediamente più anziani. 😀

          A parte questo, anch’io ho cercato fino a pochi mesi fa di usare il testo puro per le email, ma ora ho ceduto per stanchezza. Ma le email in html sono molto più scomode da gestire (almeno con Thunderbird): inserire del testo in mezzo ad una frase quotata è quasi impossibile, cancelli un carattere e cambia il font di tutto, ne cancelli un’altro e la firma si scombina. Sembra di usare Word. 😦

          Mi piace

          • MailMasterC ha detto:

            I miei colleghi anagraficamente sono più anziani di me, ma da un punto di vista di uso delle tecnologie sono appena nati, senza nessuna conoscenza del pregresso. E che certe cose le debba insegnare io neo quarantenne a loro, fa un po’ ridere….

            Temo che saremo assimilati… ogni resistenza è inutile!

            Non so da te, ma da me l’uso di “quotare” le singole frasi e rispondere ad ognuna, non esiste proprio, quindi si lascia tutto il pregresso com’è e si scrive sopra. Quindi da questo punto di vista html o meno fa poca differenza, è proprio il valore aggiunto del contenuto che viene meno, il mezzo qui è abbastanza ininfluente.

            Bella l’ultima frase! 😉

            Mandi

            Mi piace

          • Sabino Maggi ha detto:

            Finché posso, cercherò comunque di resistere. 😀

            A me è successo il contrario, quando sono stato assunto (nel ’90) avevo colleghi che si ingegnavano a studiare il Basic, la programmazione, l’interfacciamento. Qualcuno ha scritto dei bei software partendo da zero.
            Ne capivano e ne volevano capire di sicuro di più di quelli attuali più giovani, cresciuti a pane e Windows, che non vanno oltre Word e PowerPoint. I migliori sanno usare Excel. I sublimi (un paio) magari R. Ma il vero guaio è che non gli frega di imparare: hanno il mondo a disposizione, informazioni su tutto lo scibile umano a portata di dito, e si limitano a usare la rete per Facebook e WhatsApp.

            Mi piace

          • Sabino Maggi ha detto:

            Hai ragione, html o no a questo punto non conta molto. Conta solo per la facilità o meno di togliere la parti superflue e lasciare solo quello che serve per capire la risposta. Ma è un problema praticamente solo mio. TUTTI, tutti, tutti, scrivono magari solo una frasetta in cima all’email, lasciando un chilometro di testo inutile, sotto.
            Ti dicono che non hanno tempo da perdere a cancellare il superfluo. Anzi, alla fine sei tu che togli le parti inutili a far quasi la figura di quello che cazzeggia.
            Infatti per la fretta cliccano su qualunque ca**o di link che compare nelle email e si ritrovano sul PC virus, malware e ransomware a gogo, come la mia (ex) amica Virginia. Pensi che imparino a collegare il cervello alla mano? Non mi rispondere, la risposta la so già. 😉

            Mi piace

          • MailMaster C. ha detto:

            Togliere il superfluo e lasciare solo l’essenziale storicamente, lo sai benisismo, lungi dall’essere un esercizio di stile (comunque sempre utilissimo – magari da qui è partito il concetto dei 140 caratteri di twitter! ^__^) era necessario perchè di fatto ogni singolo bit mandato in rete si pagava. E quindi si imparava a tagliare testo e firme troppo prolisse.
            Ad oggi questa esigenza è venuta meno, e, nel mio ambiente lavorativo, devo spezzare una lancia in favore del lasciare tutto lo storico in uno scambio di email. Spesso mi sono stati inoltrati flussi di email in cui non ero presente all’inizio, e solo grazie allo storico accodato sono riuscito a capire in poco tempo di cosa si stava parlando, altrimenti avrei dovuto perdere tempo (io e gli altri) in telefonate, visite e email di chiarimenti e spiegazioni.
            Resta il fatto che ancora oggi, fuori dall’ambiente strettamente lavorativo, le poche email che mando ad amici cerco di farle sintetizzate e snelle… ma dev’essere un mio vizio di gioventù che mi porto dietro! 🙂

            Mandi

            Mi piace

  5. Sabino Maggi ha detto:

    Dopo un anno il caro Frank de Franks AKA Franco Franchi si è accorto di questo post, si secca (ma pensa!) e mi vuole denunciare per… diffamazione.
    Piuttosto ironicamente chiede la mia “amicizia” su Facebook, usando la richiesta per minacciarmi di denuncia, facendo naturalmente in modo che io non possa replicare (ma questa l’avevo già sentita).

    E allora lo faccio qui: caro Franks dimmi, c’è una, una sola, parola sbagliata in quello che ho scritto?
    E se hai qualcosa da dirmi, perché non lo fai in pubblico qui, dove chiunque può scrivere senza filtri, invece che minacciarmi, senza darmi la possibilità di risponderti direttamente come meriti?

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Vedo che hai pure postato il link a questo post sul tuo profilo, dove io non posso accedere per replicare.

      Allora spiegami come funziona: secondo te non dovrei mettere un link al tuo profilo, ma allo stesso tempo ti senti in diritto di farlo con me? E per di più in un gruppo chiuso, dove io non posso nemmeno dire la mia? A Napoli dicono “il toro dice cornuto al ciuccio”

      Qui sei libero di scrivere e di dire queloo che pensi, ma non ti vergogni di nasconderti dietro le barriere di Facebook per spadroneggiare e parlar male.

      È chiaro qual’è il tuo concetto di informazione e di libertà di opinione.

      Mi piace

      • Marco ha detto:

        Tu hai rovinato anni di lavoro, per colpa tua Frank domani chiuderà tutti i gruppi. Sei contento immagino, sei una testa di cazzo e basta. Voi siete quei nonniminchia che hanno rovinato il web coi vostri buongiornissimi kaffè, la tv, le bufale e il calcio

        Mi piace

        • Sabino Maggi ha detto:

          Con un post (di più di un anno fa!) faccio chiudere tutti i gruppi (e quanti saranno mai, decine?) di Frank de Franks (AKA Franco Franchi). Non mi sono mai accorto di avere un così grande potere mediatico.
          Grazie per i tui gentili complimenti che ti qualificano per quello che sei, mi sfugge però il legame di tutto questo con il calcio.
          Pure con le bufale, in effetti, ma è chiaro che a quelli come te le bufale piacciono da pazzi.

          Mi piace

        • Sabino Maggi ha detto:

          A parte questo, come vedi, tu puoi venire qui a scrivere le tue sciocchezze e i tuoi insulti, ma poi ti nascondi dietro i “gruppi chiusi” di Facebukke per impedire il contraddittorio.

          Mi piace

          • Marco ha detto:

            Non ti resta che gioire pure tu nella tua ignoranza, lui sarà sicuramente felice di liberarsi dei problemi che gli crea gente come te, sono anni che subisce attacchi continui, ha la colpa di aver creato una grande community che purtroppo uno come te è riuscito a rovinare e a far terminare la pazienza di quel povero ragazzo che ha dato tutto sé stesso, ma stavolta ha detto basta e potrà vivere la sua vita al di fuori del web. Bravo Sabino, spero ancora che tu sia contento del tuo atto. Ah, la divulgazione di corrispondenza privata(in questo caso la chat) è reato e punibile per legge.
            La divulgazione di corrispondenza privata (come la posta, il contenuto di email private o comunque personali, chat private, messaggi privati, conversazioni di whatsapp, screenshot di facebook sempre raffiguranti conversazioni private, ecc) è un operazione da non compiere a cuor leggero, in quanto le conseguenze, in caso di mancato accordo, sono serie.
            Divulgare conversazioni private, insomma, comporta delle conseguenze in quanto non solo la legge ma anche la Costituzione punisce la violazione di corrispondenza prendendo in seria considerazione la tutela dell’autore della stessa, abusivamente divulgata.
            Art. 15 Cost; Art. 21 Cost; art. 616 cp; art 618 e art. 13 L. 547/1993.
            Per poter legalmente pubblicare uno screenshot contenente informazioni che consentono l’identificazione del personale (esempio foto, nomi di persone reali, ecc) è fondamentale avere il consenso scritto selle persone interessate. Lo stesso discorso vale per poter utilizzare lo screenshot di un profilo Facebook. ANche in tal caso quindi è sempre necessario ottenere il consenso scritto del relativo creatore.
            Ps. Ti consiglio di eliminare l’articolo prima di incorrere in azioni legali

            Mi piace

          • Sabino Maggi ha detto:

            Ma di quale corrispndenza privata stai parlando? Di brani di una conversazione su un gruppo di Facebook? Se avessi un minimo di cognizione di quello che scrivi, sapresti che, come ho scritto, mi sono limitato a riportare brani comparsi sul gruppo, chiuso ma pubblico, non conversazioni personali, che non ci sono state fino ad oggi, quando il signor Frank mi ha contattato personalmente per minacciarmi. Se deve esserci qualcuno seccato per questa storia, quello dovrei essere io.

            Che io poi sia riuscito a distruggere con un articolo una grande community di affezionati lettori mi riesce difficile crederlo. Mi sa che si sono disaffezionati per altre ragion, magari perché il signor Frank di comporta con tanti altri come ha fatto con me.

            Mi piace

  6. Ignazio ha detto:

    Ciao,

    approfitto della tua competenza per chiederti un parere. Ho un vecchio netbook Asus, precisamente il 1005HA, che uso ormai solo per guidare un telescopio, per tutto il resto è troppo lento. Secondo te, con un SSD in sostituzione dell’HD ritornerebbe usabile? Che modello mi consigli? Non ho grandi esigenze, mi basterebbero una cinquantina di GB.

    Grazie

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Ce l’avevo anch’io e l’avevo anche trasformato in un Hackintosh. Più per sfida personale che per altro, era davvero troppo lento per OS X. Con un Linux leggero, mi ricordo di aver usato crunchbang. una derivazione di Debian, andava piuttosto bene.

      Circa l’SSD, se come credo usi Windows XP non avrai prestazioni ottimali (XP non supporta la frunzione TRIM degli SSD) e il miglioramento dipende parecchio dall’interfaccia SATA del notebbok, perà ai prezzi attuali di un SSD da 120 GB secondo me ne vale la pena. Se lo trovi a un buon prezzo prendi un Sansung 850 EVO da 120 GB, ma tieni conto che su Amazon il 250 GB costa 90 euro.

      Comunque il problema non è tanto il sistema operativo quanto gli applicativi. Se usi l’ASUS per controllare un telescopio, installa una copia fresca di Windows XP, i driver e il software di controllo del telescopio. Per il resto limitati a quello che è strettamente indispensabile, magari un programma per guardare le foto come XnView, eventualmente qualcosa per prendere nota di quello che fai (Notepad++) e un antivirus come Avast. STOP, niente software di condivisione sempre attivo come Dropbox (ci sono le chiavette per questo), niente applicativi vari, etc. Secondo me così puoi usarlo ancora con una certa soddisfazione.

      Se il software di gestione del telescopio girasse anche su Linux (molto improbabile), potresti usare una distribuzione leggera come quella citata sopra, ma in questo caso c’è solo l’imbarazzo della scelta.

      Mi piace

  7. Mauro Mossino ha detto:

    Arrivo dal gruppo perchè è stato linkato questo post…
    A me puzza di voler chiudere tutto per poi chiedere danni morali per chissà quale astruso motivo e poter dire “vedi come soffro? ho chiuso tutto! fatelo pagare!”.
    Parrebbe che sei un applefagotto e se arrivo a commentare per difenderti è perchè hai ragione in toto…

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Ti ringrazio di cuore.
      È chiaro che sono tutte scuse, e non capisco di quali danni morali può parlare questo signore, visto che io mi sono limitato a riportare brani di una conversazione apparsa in un gruppo di Facebook. Il fatto che il gruppo sia chiuso non rende la conversazione una cosa privata. Sarebbe come se io non potessi citare brani di una rivista, solo perché viene distribuita solo in abbonamento.
      E poi, francamente, su Facebook succede di tutto, si pubblicano cumuli di sciocchezze, di insulti, di cose inventate, e questo qui soffre per un mio post che, dopo la pubblicazione, non si filava nessuno o quasi?

      Mi piace

  8. Pietro Alemanno ha detto:

    Scusa se te lo dico, ma a me sembrate un po’ entrambi fuori di testa. Da una parte far un post chilometrico con tanto di link a profili personali e discussioni private perché ti cacciano fuori da un gruppo che, a tuo dire, è di scarsissima qualità e nessuna rilevanza e di cui nulla ti importava; dall’altro chiudere tutti i gruppi e anni di lavoro (parole loro) perché “gnè gnè mamma guarda cosa mi ha fatto”.
    Bho, mi m’attastu se ghe son 😀
    PS: passa a GNU/Linux 🙂

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Ti ringrazio per la critica. Non lo dico per scherzo, credimi, perché è sempre utile vedere le cose da un altro punto di vista.

      Il post voleva prendere lo spunto da un fatto personale assolutamente minore (concordo) e per niente affatto privato, accaduto su Facebook (cosa ci possa essere di privato in un social network mi sfugge, e i messaggi riportati non erano privati ma postati sulla bacheca), per fare qualche considerazione sul mezzo Facebook, sul fatto che Facebook va bene per il cazzeggio puro, per le foto, per i meme, per qualche chiacchierata con i vecchi amici (come era in origine), non per discutere in modo serio di cose serie, che si tratti di tecnologia, di politica o di società.
      Del resto, se ci si accapiglia inutilmente perfino sui risultati di semplicissime operazioni matematiche, se gente ignorante delle regole elementari delle quattro operazioni pretende di ergersi ad sperto e offende chi mostra un po’ di buonsenso e un minimo di conoscenza, beh, secondo me c’è molto che non va (infatti ho parlato un paio di volte anche di questa ignoranza, che mi sta molto più a cuore).

      I fatti dell’ultimo anno, le polemiche sull’influenza delle notizie totalmente false pubblicate su Facebook che hanno aiutato a vincere o a perdere delle elezioni, hanno confermato, e molto in peggio, queste considerazioni perfino scontate.

      Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      PS: passa a GNU/Linux

      Ma io Linux lo uso da vent’anni! Credo di essere stato uno dei primi che si è incaponito a fine anni ’90 ad usare esclusivamente Linux sul suo computer personale di lavoro (oltre che su quello di casa). Poi con l’arrivo di Mac OS X nei primi anni del 2000 sono tornato al Mac perché univa la potenza di Unix ad una grafica mozzafiato (Mac OS X 10.2/Jaguar era graficamente da urlo rispetto a tutto quello che era in giro allora).

      Se ti leggi qualche altro post pubblicato qui, ti renderai conto che sono un grande appassionato del Terminale e che uso molto spesso Linux, soprattutto Debian, in qualche macchina virtuale in parallelo a macOS.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: