Ma è vero che i prodotti Apple costano troppo? (terza parte)

Come ho scritto qualche giorno fa, l’esperienza diretta con l’assistenza Apple vale molto di più di qualunque affermazione di principio sulla qualità del servizio. Ecco quindi un secondo racconto, un’esperienza vissuta in prima persona solo qualche settimana fa.

La batteria

Ad agosto l’iPhone di mia figlia maggiore comincia a fare le bizze. Tecnicamente l’iPhone è il mio, gliel’ho passato da un paio di anni sostituendolo con un Android. Non sono pazzo, io posso cavarmela senza troppi problemi con le asprezze del sistema operativo di Google, per lei, disinteressata digitale, l’iPhone è il non plus ultra, lo accende e va.

Non sempre.

Come dicevo, all’improvviso la batteria dell’iPhone comincia a perdere colpi. Caricato il telefono fino al 100% e staccato il caricatore, dopo pochi minuti l’indicatore di carica crolla a zero e il telefono si spegne.

L’ipotesi più semplice è che il il circuito di ricarica della batteria abbia perso la calibrazione e dia una indicazione sbagliata dell’autonomia residua.

Se è così, è facile da sistemare: si deve prima di tutto scaricare completamente l’iPhone, mettendo in loop continuo un brano musicale o un video (con il volume a zero per non impazzire), finché il telefono non si spegne. Poi si carica l’iPhone fino al 100% senza accenderlo, e infine lo si riavvia premendo contemporaneamente il tasto Home e il tasto di accensione fino a quando non compare sullo schermo il logo della mela.

Niente da fare, anche ricalibrando la batteria l’iPhone sta acceso al massimo un paio d’ore e, dopo un paio di giorni, tutto torna come prima. L’unico modo per usare il telefono è collegarlo ad una batteria esterna, per fortuna ne ho trovata una piatta che non da troppo fastidio una volta piazzata contro il retro dell’iPhone.

Finalmente mi decido a dare un’occhiata all’iPhone ammalato. Finora non ci ho nemmeno pensato, sicuro che fosse solo un problema di calibrazione. Tolgo la custodia, un guscio rigido così protettivo da mostrare solo lo schermo dell’iPhone, e vedo chiaramente quello che è successo: la batteria si è gonfiata tanto da staccare leggermente lo schermo LCD dal corpo del telefono.

Non c’è calibrazione che tenga, la batteria è chiaramente da sostituire. Per fortuna la guaina esterna ha tenuto e la batteria si è gonfiata senza esplodere.

Ho visto in giro la pubblicità di un nuovo laboratorio di riparazione specifico per i prodotti Apple. È vicino a casa, prendo la macchina e ci vado. Anche se non è un servizio ufficiale, l’ambiente segue i canoni dei negozi Apple: moderno, gradevole, pulito. Chi mi riceve è un po’ freddo, ma è anche cortese e preciso.

Ha perfino la batteria disponibile in magazzino, in mezz’ora mi può rimettere l’Iphoneo a posto. Una capatina al bar, un caffè, un’occhiata al giornale, un giretto a piedi, la mezz’ora (e più) passa rapidamente. Torno al laboratorio, l’iPhone è pronto. Costo: circa 30-35 euro, un vero affare, molto meno di quello che mi sarei aspettato.

L’iPhone è tornato a funzionare perfettamente.

Due livelli

Che c’è di strano in tutto questo?

Avete mai provato a rivolgervi al servizio di assistenza di qualunque altra marca, blasonata o no? Io sì, più di una volta (purtroppo). Locali squallidi, personale indisponente o proprio sgarbato, senza competenza, capace solo di prendere i tuoi dati e di preparare il pacco per la spedizione.

Personale che magari ti fa tornare a casa per recuperare la SIM del telefono da riparare, “Mi serve per i documenti!”. La stessa SIM che, quando torni in negozio, improvvisamente non serve più, “Gliel’ha detto la mia collega? Strano, si sarà sbagliata…”. Già.

E in tutti i casi il centro di assistenza fa solo da tramite e si limita a mandare il tuo telefono (o il tuo computer) chissà dove, chissà per quanto tempo. Per la riparazione ci vuole almeno un mese, di più se ci sono feste comandate di mezzo. E quando torna il responso è inappellabile, tante volte ti dicono che l’hanno riparato mentre invece tutto (non) va esattamente come prima.1 O magari ti dicono che non si può riparare in garanzia, perché “Il cellulare è stato usato sotto la pioggia ed è entrata l’acqua.”2

Ma perché, il cellulare non si può usare all’aperto?

È chiaro che qui stiamo parlando di due livelli diversi di assistenza. I prodotti Apple costano di più, è vero, ma l’assistenza funziona come un orologio. Nei casi normali è lo stesso Apple Store, il Genius o il centro specializzato che può effettuare la riparazione, in poche ore e a prezzi decenti.3

Con gli altri marchi è solo una questione di fortuna, anzi meglio di vero e proprio culo. Ma se mandare in assistenza per un mese un telefono non è quasi mai un grosso danno (chi non ha un cellulare di scorta in qualche cassetto?), provate a non poter usare per un mese il computer con cui lavorate e su cui ci sono dei documenti che vi servono con urgenza e poi ne riparliamo.

Anzi, poi vediamo chi butta veramente i soldi dalla finestra.


  1. Cose di questo tipo le ho sentite di persona decine e decine di volte. Del resto basta sfogliare dei vecchi numeri di PC Professionale, dove c’era una rubrica chiamata (vado a memoria) “Torti e ragioni”, per rendersi conto di quanto fosse comune ricevere dall’assistenza il computer che continuava ad avere esattamente gli stessi problemi di prima della riparazione. La rubrica non c’è più da anni. 
  2. Mi hanno detto proprio così diversi anni fa, lo giuro, per un Nokia di mia moglie. 
  3. Sarò stato fortunato, ma in tanti anni mi è successo solo una volta di dover mandare un prodotto Apple al servizio di assistenza remoto. È successo con un iMac G5 (proprio quello a cui ho sostituito il disco rigido con un SSD a cui si era bruciata la scheda video. La riparazione è stata fatta in garanzia, senza se e senza ma, anche se mancavano solo pochi giorni alla scadenza. Funziona ancora perfettamente. 
Advertisements
Tagged with: , , , , , ,
Pubblicato su hardware
10 comments on “Ma è vero che i prodotti Apple costano troppo? (terza parte)
  1. Architecday ha detto:

    Altro ottimo esempio di problema risolto brillantemente!
    In più la chicca: come calibrare la batteria dell’iPhone, che ha destato qualche domanda: la procedura che conoscevo io è diversa e quindi credo di non aver mai calibrato alcunchè… Come ricarico l’iPhone spento se quando lo metto in ricaricarica si riaccende automaticamente? Deve passare del tempo tra scarica completa e ricarica completa o si può effettuare di seguito?

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Direi anche con tanta fortuna! Hanno aperto iPhoneRepair da me proprio pochi giorni che avvenisse il “fattaccio” e hanno messo un manifesto 3×6 con la pubblicità proprio davanti ad un semaforo dove passo sempre.

      Calibrazione. Francamente non saprei dire qual’è la differenza fra ricaricare fino al 100% con il telefono spento o no. Secondo me nessuna. E forse l’iPhone si riaccende da solo se è collegato al Mac, mentre sta spento se lo ricarichi con un caricatore “da muro”. Però ora non ho niente sottomano con cui provare. Quello che invece credo sia molto utile è avere un’app affidabile che mostri il numero di cicli di ricarica e lo stato di invecchiamento della batteria. La Apple le fa per i suoi usi interni, ce ne sono tante sull’App Store, il guaio è trovarne una di buona qualità.

      Liked by 1 persona

      • Architecday ha detto:

        Grazie Sabino per le dritte!
        Quando il 5S è completamente scarico e lo attacco al caricatore da “muro”, dopo aver caricato una certa percentuale di batteria, si avvia autonomamente…Magari è un’impostazione…

        In ogni caso, per lo stato di salute della batteria uso Battery Life: hai avuto modo di provarla?

        Mi piace

        • Sabino Maggi ha detto:

          Puoi provare con un caricatore non Apple? Comunque, ripeto, secondo me non dovrebbe cambiare molto caricando l’iPhone da spento o no, soprattutto se non lo usi e magari in modalità “aereo” (così riduci i processi in background). Ovviamente la modalità aereo dovrebbe essere impostata prima di scaricarlo.
          Però sono sicuro di aver visto più volte i miei i-qualcosa caricarsi da spenti… boh.

          Liked by 1 persona

        • Sabino Maggi ha detto:

          Dimenticavo: Battery Life non lo conosco, però almeno non è cinese, il che è un punto a favore (non è razzismo, è che i cinesi inondano i vari Store di app scopiazzate malamente una dall’altra o con nomi diversi).

          Guardando sull’App Store mi hanno colpito Lirum Device Info Lite – System Monitor, sembra rozza ma molto completa e Battery Memory System Status Monitor.

          Quello che faccio in questi casi (per quello che conta) è cercare un po’ di app free che mi colpiscono, installarle e provarle in sequenza. Quelle che non mi piacciono subito le cancello (es. troppa pubblicità, caratteristiche scarse, fatte male) e poi guardo meglio le due/tre che rimangono. Un altro criterio (per la rimozione) è eliminare senza pietà le app che fanno troppe cose diverse. Ma in fondo, il vero criterio per scegliere di mantenere o no una app è la simpatia che ispira…

          Liked by 1 persona

  2. frix ha detto:

    Fatto lo stesso pure io.
    Il tempo tecnico per cambiare la batteria credo non superi i 3 minuti, tra aprire, sostituire e richiudere.
    però il mio 4s non è + come prima, sono alla terza pila ma…

    Se però devo dirti la mia experience in, un centro assistenza autorizzato da Apple, la prima volta che mi informai per la sostituzione, mi dissero telefonicamente che avrei dovuto lasciare lì il telefono 3 giorni perchè:

    avrebbero dovuto verificare lo stato della pila,
    ordinarne una originale in Olanda
    poi avrebbero poi sostituito la pila

    Il tutto ad un costo tra 60/70€

    Andai nel negozio di una società telefonica. Il Tecnico me la cambiò immediatamente per 40€ fatturati, davanti a me. Peraltro la prima non funzionava lo stesso e ne mise una seconda che invece funzionò.

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Sicuro, aprire un 5/5c è facilissimo, si perde di sicuro più tempo a provare dopo che sia tutto OK e a preparare i documenti vari. Sui tempi ho avuto fortuna che avesse la batteria pronta in magazzino, naturalmente se avesse dovuto ordinarla i tempi si sarebbero allungati. Però siamo sempre molto sotto il mese (e più) che ho sperimenatto tante volte con altre marche. E — non so se ho reso al meglio l’idea — siamo anche su livelli diversissimi di accoglienza e cortesia.

      Mi piace

  3. […] utilizzo anche Battery LIfe in tandem a Lirum Device Info Lite, consigliata da Sabino Maggi di MelaBit, per verificare lo stato della batteria del mio iPhone: […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: