Perché open source

Free e open source

Sono da sempre un estimatore della distribuzione del software secondo il modello free o open source e se posso preferisco usare programmi di questo tipo. Anche il mio software pubblico è distribuito secondo licenze di questo tipo (ad esempio questo, appena pubblicato).

Ma perché usare il software free (ad accesso libero) o open source (a sorgente aperto)?1

Le questioni filosofiche le lascio a personaggi del calibro di Richard Stallman, massimo esponente del movimento del free sofware e fondatore del progetto GNU, e di Eric Raymond, avvocato di un modello aperto ma più vicino agli interessi dele aziende, che hanno descritto in modo egregio i fondamenti di questi modelli di distribuzione del software in due saggi imperdibili, Free Software, Free Society e The Cathedral and the Bazaar
(la bibliografia finale rimanda alle versioni italiane di questi volumi).

Leggere il codice

A me interessa affrontare qui una questione molto più spicciola e mostrare come l’accesso al codice permetta di migliorare la qualità del software e di correggerne rapidamente i bachi.

Il concetto di accesso al codice può sembrare campato in aria, riservato solo ad una piccola elite di programmatori esperti. In effetti mettere le mani nel codice è spesso molto più semplice di quanto si pensi e si può fare senza nemmeno essere programmatori esperti o particolarmente dotati.

Ecco una piccola storia pratica e personale. Non è la prima di questo genere che mi succede, ma è quella più recente.

Buttato fuori

Negli ultimi tempi mi sono occupato di sviluppare un sito web quasi istituzionale in WordPress. La genesi è stata fin troppo lunga — ci sono sempre mille cose da fare ogni giorno — ma alla fine il sito è stato presentato ufficialmente la settimana scorsa.

Per vari motivi non ho sviluppato il sito sul mio Mac, dove avrei potuto usare un sistema di revisione e tenere traccia diretta di tutti i cambiamenti, ma direttamente sul server che ospita il sito. Anzi, per stare sicuro, per lo sviluppo vero e proprio ho usato una copia del sito, sul quale provavo le novità prima di trasferirle al sito principale.

Come è ovvio, gli ultimi giorni prima della presentazione sono stati frenetici, con un sacco di aggiunte e di modifiche dell’ultimo minuto. In questi casi la disciplina va a farsi benedire: non c’era semplicemente tempo di provare ogni cosa sulla copia prima di trasferirla al sito vero e proprio. Ed è chiaro che in questi casi, con una scadenza in vista, c’è un rischio altissimo che succeda qualche guaio all’ultimo minuto.2

Infatti.

All’improvviso, dopo chissà che operazione, sono stato buttato fuori senza complimenti dal mio account di amministratore. Il sito era lì vivo e vegeto, ma di fatto non potevo fare più niente.

Per fortuna potevo almeno accedere all’interfaccia di gestione del server. Da qui la cosa più semplice da fare sarebbe stata quella di ripristinare il sito e il database dall’ultimo backup — fatto ore prima! — cercando poi di ricordare tutto quello che avevo cambiato dopo il backup. Una cosa praticamente impossibile.

Ma per fortuna ci sono i file di log di WordPress e lì l’errore era stampato chiarissimo, con il nome del file e la riga esatta dove si era verificato il problema. Il colpevole era un plugin di WordPress che avevo aggiornato poco prima senza patemi. Sembrava inoffensivo: non faceva niente di fondamentale, serviva solo a configurare lo stile grafico del forum del sito.

Worpress è open source e anche i plugin lo sono, quindi il codice è disponibile e si può leggere e modificare a piacere.

Perfino uno come me, con una conoscenza solo basilare di PHP e JavaScript con cui è scritto WordPress, con un’occhiata veloce poteva capire il motivo dell’errore, una (molto) banale svista del programmatore. Errore che però aveva conseguenze così gravi da impedirmi di lavorare al sito.

Rapida correzione, salvataggio, tutto a posto e in mezz’ora potevo di nuovo entrare nel mio account e tornare lavorare come prima.

Naturalmente sono andato nell’area di supporto del plugin e ho descritto quello che era successo e come avevo risolto il problema. In fondo, se qualcuno ti da un software gratis, è il minimo che si possa fare per sdebitarsi.

Dopo poche ore era uscita la versione aggiornata e corretta del plugin.

Provate ad avere un problema serio con un prodotto commerciale, magari pagato a caro prezzo, e poi ditemi come e in quanto tempo viene risolto. Non ci sarebbe storia.

Bibliografia

Per una volta i volumi citati sopra sono disponibili in italiano. Ho aggiunto anche un bellissimo libro di Sam Williams che tratta della vita e delle ragioni di Richard Stallman nel contesto della cultura hacker degli anni ’80.

  • Eric Raymond, La cattedrale e il bazaar, 1998, Apogeo. Disponibile in italiano in una prima versione ridotta rispetto al testo originale aggiornato.

  • Richard_Stallman, Software libero pensiero libero – Volume primo, Stampa Alternativa, 2003. Disponibile online in formato pdf.

  • Richard_Stallman, Software libero pensiero libero – Volume secondo, Stampa Alternativa, 2004. Disponibile online in formato pdf.

  • Sam Williams, Codice Libero (Free as in Freedom, Apogeo, 2010. Disponibile online in formato ePub/Kindle e per iBooks.

Post scriptum

Oltre al senso di libertà, ciò che ho appena descritto è una delle cose più interessanti dell’open source: ci sono così tanti occhi e tanti cervelli con competenze diverse che è normalmente molto facile risolvere i problemi, molto più facile che con un team fisso di sviluppatori, con competenze per forza di cose più statiche.

E poi dai, contribuire a qualcosa senza nemmeno conoscersi, senza avere un interesse economico diretto, fa bene allo spirito e forse anche alla società. Fa meno bene al portafoglio, ma non si può avere sempre tutto.


  1. Le differenze fra il software free e quello open source sono spiegate piuttosto bene in questo breve articolo e, in modo più approfondito, in queste pagine di Wikipedia e WikiWikiWeb. Imprescindibile anche il punto di vista del progetto GNU
  2. Persino il backup a volte non basta: se si fanno modifiche continue, anche perdere un paio di ore di lavoro ripristinando da Time Machine può essere un danno gravissimo. 
Advertisements
Tagged with: , , , ,
Pubblicato su software
7 comments on “Perché open source
  1. frix ha detto:

    Ottimo post!
    Come al solito: machettelostoaddì

    In proposito – e purtroppo muovo in senso contrario allo spirito del tuo post – sto abbandonando gradualmente e con un po’ di mestizia inkscape.
    Gli aggiornamenti su Mac sono un po’ indietro. Da anni si aspetta ma pare che no.
    Se qualcuno se la fosse persa hanno rilasciato la v. 0.92
    dai primi di Gennaio anche per Mac. Però:

    For Mac OS X, no new packages are available — our old (X11/XQuartz) packaging was long overdue to be updated to current standards and is no longer being maintained.
    If you wish to compile Inkscape yourself, then of course, the Inkscape source code is also available from our website.

    Sto pensando di ripiegare su Intaglio.
    Lo scarichi e ci lavori aggratis, per capire come fz. Ma se vuoi salvare, lo compri. Si tratta un tipo di proposta interessante, soprattutto per i tipi sul modello Conservini_1 che apprezzano la possibilità di provare per bene e con tranquillità (senza scadenze temporali) una app prima di investirvi sopra denaro.
    L’interfaccia ed il modo di lavorarci mi fa tornare a tanti anni fa. Nel secolo scorso, poche icone (il contrario di inkscape) e un modo abbastanza fluente di lavorare. Mi ricorda un po’ un’applicazione grafica della fine degli anni ’80 di cui mi sfugge il nome. Non credo fosse minicad, _qualcosa+Draw
    forse.

    I meno giovani ricorderanno una pubblicità di Carosello con il tipo che somntava tutto pr conoscere con cosa aveva a che fare e alla fine diceva: Ma che ha fatto: l’ha aperto? Certo, io a scatola chiusa compro solo arrigoni Sicuramente su youtube si troverà qualche puntata. 

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Anche questo è il bello: un progetto non funziona o lagga? Ce ne sono altri pronti a prendere il suo posto. La grafica non è il mio forte, ma qualche bookmark sui programmi vettoriali ce l’ho, perché a volte servono anche a me. E quindi trovo Vectr, Alchemy, DrawBerry, Cenon, tutti free, alcuni anche open. Però se sono buoni o cattivi… boh!

      In ogni caso, è strano che Inkscape usi X11 su OS X (non riesco ad abituarmi alla nuova dizione!) se ricordo bene è una applicazione GTK e c’erano delle belle librerie che abilitavano Quartz al posto di X11 con una o due righe di codice. Forse non sono più supportate sulle nuove versioni di OS X (e dalli!).

      Mi piace

  2. frix ha detto:

    … Ma che sintassi vuole il tuo wordpress per le note a pié di pagina?

    Mi piace

  3. frix ha detto:

    Belandi è quella che dovrei aver usato.
    Siccome ho scritto su voodoopad e renderizzato con marked e lì la nota era a posto ho pensato volesse una sintassi sua.
    Non saprei perché non l’ha presa come nota

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: