Workflow Visualizer, quando la pubblicità è asfissiante

Non sono un fanatico delle mappe mentali, ma ogni tanto le uso per buttare giù rapidamente qualche idea da sviluppare poi in modo più convenzionale.

In questi casi uso XMind, la versione gratuita è più che sufficiente per le mie esigenze, o Scapple, un ottimo prodotto sviluppato dalla stessa software house di Scrivener, uno dei migliori strumenti di scrittura che ci siano sul Mac (e su Windows).

Ma ieri volevo provare qualcosa di nuovo e ho fatto un giretto sull’App Store per vedere se c’era qualche nuova applicazione interessante di mind mapping, più che altro una scusa per raccogliere un po’ le idee.

Pochi click e ho installato tre o quattro applicazioni gratuite, quasi tutte versioni di prova delle applicazioni complete acquistabili con il solito meccanismo in-app.

Fra queste ce n’era una dal titolo altisonante, Workflow Visualizer – MindMap Master, il Maestro delle Mappe Mentali, nemmeno troppo accattivante dal punto di vista grafico, come è evidente guardando le immagini sull’App Store.

Non so bene perché ma l’ho scaricata lo stesso. E ho fatto bene, perché in cambio di dieci minuti del mio tempo ho avuto a che fare con una delle applicazioni più insulse e irritanti che possano essere concepite.

Il modello di acquisto in-app funziona più o meno così: lo sviluppatore mette sull’App Store una applicazione completa ma con qualche limitazione più o meno forte, dando modo agli utenti di provare liberamente le funzioni base del programma e di sbloccare eventualmente le funzionalità aggiuntive senza dover reinstallare tutto da zero. In alcuni casi ci sono livelli diversi di acquisto, che attivano funzioni via via più avanzate.

Workflow Visualizer è una di queste: la installi gratis dall’App Store, la provi e se ti piace acquisti direttamente da lì la versione completa.

Tutto questo in teoria, perché in realtà Workflow Visualizer ha tanta di quella pubblicità che non riesci nemmeno a provarla senza farti venire una crisi di nervi. Come potrebbe mai venirti voglia di spendere soldi per la versione completa è un vero mistero.

Ad ogni avvio di Workflow Visualizer c’è una attesa di 20 secondi, con uno spot che ti propone di rimuovere la pubblicità, al costo di 9.99 euro, o di acquistare iMap Builder Pro, una “semplice applicazione fatta apposta per mettere ordine nei tuoi pensieri, raggruppare le idee e farne una chiara mappa mentale“, che dovrebbe essere una versione più completa e professionale di Workflow Visualizer. Non posso saperlo, ogni volta che provo a lanciarla va immediatamente in crash, e comunque per 29.99 euro ci si aspetterebbe molto di più.

Finestra di avvio di Workflow Visualizer

Acquisto in-app

Spot pubblicitario

Ma lo spot iniziale non basta, la finestra principale di Workflow Visualizer mostra in continuazione un banner pubblicitario animato molto invasivo, che fa di tutto per distrarre da quello che stai facendo. Ovviamente il banner non si può chiudere, anche se l’icona con la “X” farebbe pensare il contrario. Se ci si clicca sopra, tenta di farti inserire la password dell’App Store, probabilmente per farti comprare (senza nemmeno avvisarti?) l’applicazione senza pubblicità o magari perfino iMap Builder Pro (io non ho provato ad inserire la mia password, se devo buttare i miei soldi preferisco scegliere qualcosa di meglio).

Se dopo tutto questo si prova ad usare Workflow Visualizer, ci si accorge che non è un programma di mind mapping ma piuttosto una banale applicazione che mette qualche disegnino colorato sullo schermo, senza creare le relazioni dinamiche fra i diversi elementi che sono tipiche dei programmi di mappe mentali. Altro che il Maestro delle Mappe Mentali!

Finestra di lavoro di Workflow Visualizer

A questo punto è perfino inutile notare che i disegnini sono rozzi, che non si possono ridimensionare o ruotare e non ci si può nemmeno scrivere dentro (le scritte sono indipendenti dal disegno), tutte cose normalissime per le applicazioni di questo tipo.

Però allo sviluppatore non bastava produrre una cosa così insulsa, ha pure pensato di interrompere il lavoro ogni due minuti (non esagero, l’ho cronometrato) con lo stesso spot visto all’inizio, forse confidando nel fatto che nessuno è in grado di reggere due minuti filati di uso di questo abominio di programma.1

Dimenticavo: lo spot pubblicitario si interrompe appena si mette il programma in secondo piano, per cui bisogna sciropparselo tutto ogni volta se si vuole continuare (chissà perché) ad usare Workflow Visualizer.

Che dire? Workflow Visualizer è così irritante (e sconcertante) da chiedersi cosa stesse pensando (o fumando) lo sviluppatore quando lo ha concepito. Perché nessuno può essere invogliato a comprare Workflow Visualizer (o iMap Builder Pro o qualunque altro prodotto di questa software house) dopo averlo provato.

Ma forse non è così. Perché è probabile che il vero business si basi sugli incauti che cliccano sulla “X” per chiudere il banner pubblicitario e si ritrovano con con una decina (o più) di euro in meno nel portafogli. Oppure su quelli che, infastiditi dalla pubblicità, provano a cliccare sul tasto che offre di rimuoverla e si ritrovano più poveri ma altrettanto insoddisfatti.

Basta guardare sul sito web di New Technologies per accorgersi che questa software house produce solo applicazioni scam, truffaldine, prodotti scopiazzati e tutti uguali fra loro, dove magari cambiano solo le icone. Una pratica che Apple dovrebbe stroncare con decisione al più presto.

Ovviamente Workflow Visualizer non è già più sul mio Mac, sono stato molto attento a cancellare qualunque traccia della sua immonda presenza dal mio hard-disk. Ho fatto lo stesso con “iMap Builder Business Edition” e “Oh! My Mind Mapping 2”, due altre applicazioni gratuite di Mind Mapping di New Technologies, che vanno in crash appena lanciate.

State lontani dai prodotti di New Technologies. Se una piccola sofware house come questa ha ben 193 applicazioni diverse sull’App Store, c’è di sicuro qualcosa che non va.


  1. Non ci sono riuscito nemmeno io, me ne sono accorto solo perché sono passato a fare dell’altro e al ritorno ho trovato lo spot che mi aspettava. 
Annunci
Tagged with: , , , , ,
Pubblicato su software
2 comments on “Workflow Visualizer, quando la pubblicità è asfissiante
  1. frix ha detto:

    Per le mappe a mio avviso ci sono diverse eccellenti applicazioni (mi limito ad evidenziarne alcune di quelle che ho provato):

    iThoughts, compatibile con Marked2, esporta/importa la in md, ottima integrazione con iOS via dorpbox o, meglio, iCloud. Selezioni la nota e ha la possibilità di scivere in una finestra appostita (che io tengo affiancata in vertcale ma potresti metterla sopra, orizzontale ecc…Ti puoi fare il tema di visualizzazione…and so on Grandioso. Vale ogni centesimo che spendi.
    omnigraffle, di fatto è anche un sogtware di disegno (seplice) vettoriale. Costa un po’. Fai moltissime cose. Meno pratico e veloce e più complesso di iThoughts.
    tinderbox In questi giorni è uscita la versione 7. demo completamente funzionante fino a 30 nodi. Spesso sufficienti. Molto costoso. Anche qui associ una finestra di testo esteso al nodo. Le rules e le actions sono utilissime. Gli agents una manna se vuoi usare le note come una sorta di database di ciò che annoti. In un certo senso è come se taggassi le note e te le ritrovi organizzate. Se hai la testa e qualche nozione di programmazione (ma io sono alla base di questa catena alimentare) puoi fare molto.
    MondMeister mappa mentale classica ma collaborativa. Graficamente e operativamente interessante. IL limite, per me, è che non puoi associare testo al nodo (come in iThoughts e Tinderbox).
    da qua in poi entri nel mondo delle mappe classiche e, a mio modo di vedere, sei incappato nelle meno interessanti.

    Scapple è interessante ma è veramente solo un immenso foglio virtuale entro cui ti appunti cose che puoi o meno collegare. Spartano ma efficace. Solito problema, per me, i nodi non hanno una finestra per un testo di approfondimento. Va bene per butare giù le idee.

    Il mio preferito è iThoughts che coniuga esigenze di mind-mapping veloce con possiblità di approfondimento e ut.lizzo per studio. Ah con il focus e la funzione video può davvero andare oltre…

    Ho un rapporto strano con tinderbox. Mi piace molto ma alla fine c’p sempre qualcosa che mi frena nell’usarlo troppo, forse è troppo complesso per me. Però, pur essendo un formato proprietario ti lascia esportare in html e xml, sicché, come dice la sua pubblicità i dati sono i tuoi (se riesci a gestirli in quei formati, aggiungo io)

    Non ho dimenticato FreeMind Lo tengo per ultimo, una scelta ovvia (opensource) ed interessante. Soprattutto per avvicinarsi all’argomento e lavorare da subito.

    Mi piace

  2. MailMasterC ha detto:

    Non commento sulla serie di programmi inusabili trovati da Sabino, ma se posso dire la mia, ad oggi su OSX uso ConceptDraw MindMap Pro, su Windows MindJet MindManager e in ufficio che sono più vincolato nell’installazione la portable edition di Xmind.
    Non ho ancora fatto tutte le prove del caso, ma MindJet dovrebbe leggere Xmind e MindMap dovrebbe leggere MindJet, quindi forse riesco a gestire un po’ tutto… 🙂
    Quello più “potente” mi sembra comunque MindJet, in quanto permette di creare anche un diagramma di Pert e organizzare un Gantt, ovviamente non ai livelli di Project o similari.
    MindMap Pro è molto accattivante ma non mi sembra avere troppe funzioni oltre quelle standard.

    My two cents.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: