Imparare a programmare per iOS

Lo so che tendo spesso a dimenticarlo, ma questo blog dovrebbe essere dedicato soprattutto alla programmazione e al Mac. E allora non posso non segnalare il volume di Craig Clayton, iOS 10 Programming for Beginners, edito da Packt e disponibile oggi (e solo oggi) in download gratuito.

Lo so che siamo a iOS 11 e che attendiamo iOS 12, ma sono anche convinto che per un principiante sia meglio concentrarsi sulle funzioni di base del sistema operativo, disponibili anche nelle versioni precedenti di iOS, piuttosto che provare a sfruttare le ultimissime bells and whistles (in italiano non esiste una espressione equivalente, diciamo più o meno “fronzoli”, “orpelli”) messe a disposizione ogni anno dagli ingegneri di Apple.

Inoltre, a differenza di tante altre introduzioni alla programmazione per iOS, questo volume usa Swift, il linguaggio di programmazione sviluppato negli ultimi anni da Apple e che sta avendo un successo molto superiore alle aspettative, sia perché funziona su tutte le piattaforme hardware/software dell’azienda (quindi non solo macOS e iOS ma anche tvOS e watchOS), sia perché è enormemente più semplice da imparare ed usare di Objective C, il linguaggio usato tradizionalmente per le applicazioni per iOS e per gran parte di quelle per il Mac.

Se siete appena appena interessati alla programmazione e ad iOS, secondo me non dovreste farvi sfuggire l’occasione.

Annunci
Tagged with: , , ,
Pubblicato su programmazione
5 comments on “Imparare a programmare per iOS
  1. frix ha detto:

    Preso, grazie!!!

    Mi piace

  2. The Lupus ha detto:

    C***o l’ho perso…ieri giornataccia tale che non sono riuscito neanche a leggere RSS. Che sfiga.

    Domandina da niubbo: sperando di trasmettere la passione della sperimentazione e dell’apprendere nuove cose anche ai miei figli mi sto introducendo alla programmazione.

    Per adesso sto giocando con Swift Playground insieme a mio figlio ma mi sono sempre chiesto se partire già con un linguaggio senza apprendere le basi (algoritmi, problem solving, ecc) sia la strada giusta. Tu che dici?

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Secondo me è l’approccio migliore: iniziare a programmare, sporcarsi le mani con il codice, acquisire il piacere della sfida per risolvere un problema, anche banale, anche piccolo. Le basi arrivano, quasi naturalmente, dopo.

      M hai fatto ritornare in mente quando ho iniziato ad imparare a programmare, in Fortran, tanti, troppi anni fa. Ci sarebbero tante storie da raccontare, chissà se a qualcuno potrebbe interessare leggerle qui.

      Mi piace

      • The Lupus ha detto:

        Io sono pronto a leggere tutto quello che scrivi 🙂

        Nel 1990 avevo iniziato a studiare a scuola le basi di MS Basic e TurboPascal, purtroppo non ho avuto l’ispirazione a continuare probabilmente complice anche il pessimo prof che avevo.

        Mi piace

        • Sabino Maggi ha detto:

          Posso immaginare: magari spiegava tutta la teoria e la sintassi dei linguaggi, ma pratica zero…
          Io sono stato più fortunato, il primo giorno di università mi hanno convinto ad andare ad un corso di FORTRAN e da allora… Del corso ricordo zero, però ricordo bene che iniziai subito a provare a programmare. Secondo me è l’unica strada fattibile.

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow Melabit on WordPress.com
Categorie
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: