Ai miei tempi…

Mi hanno sempre incuriosito quelli che rimpiangono i bei vecchi tempi, l’età dell’oro della loro gioventù, ormai tramontata definitivamente e sostituita da novità incomprensibili e negative a prescindere.

Lo dicevano i miei genitori, “Ai miei tempi la scuola sì che era una cosa seria, i ragazzi di oggi invece…” Sono sicuro che lo dicessero (a loro) i miei nonni, “Ai miei tempi la scuola sì che era una cosa seria, i ragazzi di oggi invece…”

E lo dicono oggi tanti parenti ed amici, “Ai miei tempi la scuola sì che era una cosa seria, i ragazzi di oggi invece…”

Io mi sono sempre limitato a prendere in giro mia moglie (che lo dice anche lei ogni tanto), oppure a farlo notare senza troppe speranze a cena o davanti alla macchinetta del caffè.

XKCD invece è andato a cercare quello che scrivevano i giornali della fine dell’ottocento e dei primi anni del ‘900 dei tempi moderni e dei nuovi costumi dell’epoca, e ne ha fatto una vignetta che vale più di un ponderoso saggio universitario.

Prendete questa citazione del 1871, “L’arte di scrivere una lettera sta morendo rapidamente. Quando una lettera costava nove pence, sembrava giusto fare in modo che valesse nove pence… Oggi invece pensiamo di essere troppo impegnati per questo tipo di corrispondenza vecchio stile, e inviamo una moltitudine di note brevi e veloci, invece di sedere e avere una bella conversazione con un vero foglio di carta.”

Qesta molto simile del 1915, “Cent’anni fa spedire una lettera impiegava tanto tempo e costava tanto denaro che sembrava necessario metterci dentro qualche pensiero. Oggi la velocità e l’economicità della posta sembra giustificare l’impressione che una breve lettera oggi può essere seguita da un’altra la settimana prossima, una riga oggi da un’altra domani.”

Oppure quella che preferisco in assoluto, da un articolo del 1907, “La famiglia moderna oggi si raduna in silenzio attorno al fuoco, ciascuno con la testa immersa nella rivista preferita, e la conseguenza naturale dell’aver messo al bando a scuola l’arte della conversazione.”

Sostituite “lettera” con “messaggio“ e “rivista” con “cellulare” e ditemi se non vi ricorda qualcosa.

P.S. Con questo siamo arrivati a 300 post. C’è voluto un anno per scrivere i primi 100 post del blog, un anno e mezzo per arrivare a 200 e quasi altri due anni per arrivare a scrivere il trecentesimo. I tempi si allungano, ma i post diventano anche sempre più lunghi. Preferite così o pensate che sia meglio scrivere meno ma più spesso?

Annunci
Tagged with: , , , , ,
Pubblicato su società
6 comments on “Ai miei tempi…
  1. Frix ha detto:

    Mi piacciono post più lunghi e bene articolati

    Mi piace

  2. The Lupus ha detto:

    Preferisco post che lascino qualcosa, come questo. La lunghezza direi che conta relativamente. Grazie per il lavoro che condividi

    Mi piace

  3. Jack ha detto:

    Mi rendo conto, e mi scuso per questo, di essere completamente off-topic. Però vorrei sapere la tua opinione, quando avrai tempo, sull’acquisizione di GitHib da parte di Microsoft.
    Grazie anticipate!!

    Mi piace

    • Sabino Maggi ha detto:

      Francamente in questo momento non ho una idea chiara della cosa. Come sostenitore da secoli (letteralmente 😀) del movimento open source sono un po’ perplesso, è chiaro.
      Però mi pare anche che Microsoft, da quando c’è Nadella, non sia più il drago onnivoro di alcuni anni fa, e qualche passo verso una maggiore apertura ad un mondo che ha combattuto strenuamente per anni l’ha già fatto, leggi il supporto per Linux integrato in Windows 10 o l’editor aperto e multipiattaforma Visual Studio Code che, sarebbe sciocco non ammetterlo, non è niente male.
      Inoltre e per fortuna, se appena appena Microsoft decidesse di snaturare GitHub, il passaggio a BitBucket o a qualche altro servizio equivalente sarebbe facilissimo, poco più che git push.... E poi c’è sempre SourceForge… anni fa era IL servizio di condivisione dei progetti open source, non è detto che non possa ritornare alla popolarità di qualche anno fa.

      A parte questo, mi sembra un po’ triste che questi apostoli dell’open source siano sempre disposti a vendersi, anche se gli danno ben di più di 30 denari.

      Mi piace

      • Jack ha detto:

        Grazi molte!!

        Mi piace

        • Sabino Maggi ha detto:

          Brevissimo aggiornamento. Dopo la vendita di GitHub a Microsoft e l’annuncio al WWDC che Xcode 10 supporta GitLab, GitLab ha annunciato ieri che le offerte Ultimate e Gold (che come dice il nome sono le offerte più complete), sono diventate gratuite per tutti i progetti open source e per gli utenti “education”. La cosa riguarda i progetti privati perché, proprio come con GitHub, tutti i progetti “pubblici” sono sempre stati gratuiti.
          Io un account su GitLab me lo sono fatto…

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow Melabit on WordPress.com
Categorie
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: