Pensieri d’agosto 1

Un circuito elettronico è progettato per funzionare con valori ben precisi di tensione di alimentazione e di corrente elettrica, ma può tollerare deviazioni più o meno grandi dei parametri di progetto. Se in condizioni normali nel circuito fluisce una corrente di 100 mA (milliAmpere, equivalente a un flusso di 6 \times 10^{17} elettroni al secondo), posso aumentare tranquillamente la corrente fino a 120 mA senza che succeda niente. Se sono fortunato e se ho fatto le cose per benino, il circuito continuerà a funzionare anche se la corrente arriva a 150 e magari anche a 200 mA.

Ma non posso aumentare la corrente all’infinito. A un certo punto tutti questi elettroni che vanno a spasso per il mio circuito inizieranno a scaldare gli elementi che compongono il circuito elettronico e i fili che li collegano, senza che l’aria che li circonda riesca a portare via tutto il calore in eccesso. Il calore si accumula e alla fine inevitabilmente qualcosa si rompe e il circuito smette di funzionare.

Posso metterci una pezza cercando di portare via il calore con dei dissipatori montati sugli elementi più sensibili o con delle ventole che rimuovono l’aria calda accumulata nel contenitore. Ma non c’è niente da fare, se passa troppa corrente rispetto a quanto previsto in sede di progetto è inevitabile che prima o poi avvenga un patatrac.

Invece di provare ad aggiustare un progetto diventato inadeguato, la cosa più logica sarebbe costruire un circuito nuovo di zecca che possa sopportare un flusso maggiore di corrente oppure modificare radicalmente il vecchio circuito, utilizzando dei componenti adatti a sopportare sollecitazioni elettriche e termiche più elevate.

Quello che succede quando troppi camion passano su un vecchio ponte è poi così diverso?

Annunci
Tagged with: , , , ,
Pubblicato su tecnologia
2 comments on “Pensieri d’agosto 1
  1. Frix ha detto:

    Concordo con la tua riflessione.,
    Nn ho parametri per esporre una teoria minimamente credibile e sostenibile. L’impressione è di un collasso strutturale improvviso. Il cedimento di un appoggio con ridistribuzione dei carichi, per più dinamici e e nn statici, sugli altri appoggi? O su quello a fianco?
    La struttura bel punto collassato era isostatica? Se fosse il problema starebbe nel manico.

    E mi fermò per nn aggiungete potenziali stupidaggini.

    L’articolo che linki mi pare piuttosto vuoto in tutti i sensi. Finito di leggerlo nn aggiunge nulla. Visto il ruolo e la firma posso solo pensare che sia scritto subito dopo il fatto e di getto, ma allora mi sarei aspettato un po’ pathos.

    Mi piace

  2. Sabino Maggi ha detto:

    Guarda, io ho provato a fare un parallelo con quello di cui ho qualche competenza, una cosa che mi è venuta in mente appena ho saputo la notizia, ma non mi azzardo minimamente a avanzare ipotesi sulle vere cause del crollo, anzi credo che non lo scopriremo mai.

    Circa l’articolo linkato, l’ho scelto perché era l’unico che ho letto scritto da un vero esperto, da profano non mi sembrava male, probabilmente per un professionista come te è diverso. Se hai sotto mano o trovi qualcosa di meglio aggiungi pure i link nei commenti o ci penso io a metterli direttamente nel post.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow Melabit on WordPress.com
Categorie
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: