Un Mac montato in diretta

Quando ho iniziato a guardare questo video pensavo che fosse la solita presentazione di un nuovo prodotto. Qualche battuta, un paio di giochini introduttivi — carino il bicchiere pieno d’acqua tirato fuori dalla borsa — l’immancabile video pubblicitario. Ma si trattava della presentazione del Macintosh Portable, il primo Macintosh portatile,1 un computer di scarsissimo successo commerciale ma che è stato una vera icona del suo tempo, e sono andato avanti a guardare.

Se lo si vede con gli occhi di oggi il Macintosh Portable è un mostro grosso e pesante: più di sette chili di peso, un mini display da 10 pollici con una risoluzione di appena 640 x 480 pixel, un disco rigido opzionale da 40 MB. Il processore era quasi lo stesso del Macintosh originale del 1984, solo un po’ più veloce e meno avido di potenza.

Ma nel 1989 il Macintosh Portable era un vero oggetto del desiderio, una meraviglia tecnologica, la batteria durava dieci ore e si poteva mettere in uno stato di animazione sospesa a bassissimo consumo da cui si risvegliava con il semplice tocco di un tasto. Ogni volta che passavo davanti al negozio nel centro di Torino che lo esponeva, invidiavo profondamente i fortunati che potevano permetterselo, per me giovane precario (ancora per poco, per fortuna) era solo un sogno irrealizzabile.

Perché il Portable costava, accidenti se costava, più di dieci milioni di vecchie lire (senza tenere conto dell’inflazione sono 5.000 euro). E se si voleva avere il modem o 1 MB di RAM in più, bisognava tirar fuori altri due milioni, uno per il modem e uno per la RAM. Solo la batteria di ricambio era economica, 70 mila lire (circa 35 euro) per un mattoncino da un chilo.

Nel video Jean-Louis Gassée,2 sembra a disagio, la sua presentazione non ha niente a che vedere con quelle spumeggianti di Steve Jobs o con i Keynote “rock” a cui siamo abituati oggi. Sta sul palco da solo su uno sfondo completamente nero, qualche Mac sulla destra a dare un tocco di colore. Il pubblico è invisibile, applaude al momento giusto ma per il resto non esiste. Sembra tutto piuttosto noioso, ma a un certo punto arriva il momento “wow!” e Jean-Louis inizia a montare un Macintosh Portable.

In diretta, proprio lì sul palco.

Non c’è nemmeno una vite, ogni pezzo si incastra nell’altro con un bel click sonoro, Jean-Louis deve solo ricordarsi di collegare i vari connettori alla scheda madre e in una decina di minuti il Mac è pronto. Ci potrebbe mettere molto meno se non dovesse spiegare a cosa serve ogni pezzo. Non manca nemmeno la finezza di poter montare il trackball indifferentemente alla destra o alla sinistra della tastiera, per essere accessibile anche ai mancini.

E alla fine Jean-Louis tocca un tasto e, Ta Da!, il Mac si accende come se fosse appena uscito dalla linea di montaggio. Fantastico!

Il video perfetto per festeggiare, oggi.

Buon Natale a tutti!!!


  1. E credo anche il primo portatile Apple in assoluto. 
  2. Jean-Louis Gassée è stato uno dei top manager Apple dopo la defenestrazione di Steve Jobs e poi il padre dello sfortunato sistema operativo BeOS
Tagged with: , , ,
Pubblicato su hardware
2 comments on “Un Mac montato in diretta
  1. Frix ha detto:

    Bellissimo!

    Mentre spiegava mi chiedevo come se la sarebbe cavata se alla fine nn si fosse acceso! 😂

    E poi alla fine … il pubblico: caspita ma quanta gente c’era?
    Manco fosse stato un concerto!

    "Mi piace"

    • Sabino Maggi ha detto:

      Come è successo qualche volta a Microsoft? 😃
      In effetti a un certo punto dice che durante le prove aveva sbagliato qualcosa… Ma Apple non è Microsoft e sono sicuro che aveva qualche coniglio nel cappello, un Portable montato e funzionante da tirare fuori dal baule con qualche battuta ad effetto…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: