Wow!

È raro che commenti a caldo un keynote Apple (anche perché non riesco quasi mai a vederli), ma quest’anno a Cupertino si sono superati e il keynote è stato un susseguirsi di annunci scoppiettanti, fino al gran finale dedicato agli sviluppatori.

Cominciamo dal Mac Pro, di sicuro l’annuncio più atteso. Una macchina fantastica, un ritorno al passato, anzi una vera e propria inversione ad U. I progettisti hardware di Apple si saranno cosparsi il capo di tonnellate di cenere prima di mettersi al lavoro. Perché una macchina professionale da 6.000 (e molti più!) dollari deve fare i conti con il resto del mondo supportando gli standard industriali correnti, e deve essere espandibile e modificabile anche in modo estremo, per poter durare il più possibile e diluire nel tempo il pesantissimo investimento economico necessario per venirne in possesso.

E poi c’è iPadOS che, da quanto si è visto, potrà dare finalmente all’iPad il sistema operativo che merita, con un vero multitasking, un copia e incolla efficace, un filesystem degno di questo nome, capace di vedere anche i dischi del Mac. Senza dimenticare, quanti anni ci sono voluti?, il supporto per le chiavette e i dischi esterni USB.

Per quanto riguarda macOS, iTunes sarà spacchettato in tre applicazioni coerenti dedicate alla musica, ai video e ai podcast, mentre mi pare di aver capito (ho avuto un momento di distrazione) che i dispositivi iOS saranno gestiti direttamente dal Finder.

Ci sono stati annunci apparentemente minori, ma che testimoniano l’attenzione di Apple per la sicurezza e l’accessibilità. Ricordo su tutti la nuova “Sign in with Apple”, che permetterà di accedere a tanti siti web in modo molto più sicuro che usando Google o Facebook (una cosa, quest’ultima, da evitare il più possibile). Geniale l’idea d farlo tramite degli indirizzi email generati in modo casuale e diversi per ciascun sito. I wow di cui era costellato il keynote qui sono stati pienamente meritati.

E poi Mappe finalmente rivisto, la funzione “Find My” che funziona anche a MacBook spento sfruttando una modalità Bluetooth a basso consumo che comunica anonimamente la posizione ai dispostivi iOS nelle vicinanze (anche qui il wow era più che meritato), l’iPad utilizzabile come secondo schermo del Mac, la tastiera iOS a scorrimento (ci voleva tanto?).

Ma il gran finale è stato dedicato a Swift e XCode, in perfetta sintonia con lo spirito di una conferenza dedicata agli sviluppatori. Swift acquista lo status di linguaggio primario di sviluppo per tutte le piattaforme Apple, con un nuovo framework grafico, Swift UI, che sembra quasi scrivere il codice da sé (non sarà di sicuro facile come sembra, ma è comunque un bel passo avanti).

L’integrazione fra l’ambiente di sviluppo e i dispositivi fisici su cui testare le app in corso di sviluppo è stata migliorata al punto tale che le modifiche al codice si trasferiscono in modo pressoché istantaneo al dispositivo iOS collegato, semplificando e velocizzando notevolmente il debug dell’applicazione.

Infine, XCode permetterà di generare, partendo dalla stessa base di codice, applicazioni che girano su tutte le piattaforme Apple, anche se non è chiaro se XCode produrrà un’unica applicazione universale (come ai tempi della transizione da PowerPC a Intel), compatibile con processori ARM e Intel e con iOS, iPadOS e macOS, oppure applicazioni specifiche per le diverse piattaforme.

Di transizione dei Mac da Intel a ARM, almeno per quest’anno, non si è parlato.

Annunci
Tagged with: , , , , , , , ,
Pubblicato su hardware
2 comments on “Wow!
  1. Frix ha detto:

    Mi fa impazzire il Mac Pro!

    Peccato per il prezzo, a cui devo aggiunger il monitor, peraltro anche quello bello-bello.
    Ok, smetto di fumare e inizio a risparmiare 😂

    Piace a 1 persona

  2. Sabino Maggi ha detto:

    Per quelli a cui serve veramente, il Mac Pro è una macchina fantastica, costosa ma se permette di velocizzare il lavoro diventa un affare. Anche perché nel campo veramente “pro” i prezzi sono spesso già stratosferici, per cui dover spendere 5-10-15.000 euro non è un ostacolo insormontabile.
    Nel mio campo, le tremende limitazioni attuali di finanziamento e il fatto che una macchina come questa non si giustifica come workstation personale ma solo come server di calcolo condiviso, la rendono un vero miraggio, e per questo irraggiungibile.
    Peccato, perché la tecnologia che c’è dietro sembra fantastica e le vere potenzialità sono ancora inimmaginabili.
    Mi piace anche il fatto che Apple abbia avuto il coraggio di tornare sui suoi passi e fare di nuovo una macchina espandibile, come è necessario che sia un oggetto come questo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: