Corsi e ricorsi

Pensieri oziosi della domenica.

Nel 1984 il Macintosh stupì il mondo con la sua interfaccia grafica, che permetteva di interagire con il computer tramite il mouse, i menu e le icone sullo schermo, invece di dover inserire laboriosamente i comandi arcani del DOS tramite la tastiera.

Oggi però la vera potenza del computer è tornata ad esprimersi tramite il Terminale, con cui si possono fare tantissime cose ed in modo così efficiente che, al confronto, l’interfaccia grafica sembra un reperto del passato.

E dato che il Terminale è presente nativamente solo in Linux e macOS, anche Microsoft, per non perdere completamente il mondo degli sviluppatori e degli utenti più avanzati, dopo aver scopiazzato a piene mani l’interfaccia grafica del Macintosh nel suo Windows, ha ripetuto l’opera inserendo in Windows 10 uno strumento che emula un ambiente Linux completo.



— Fonte: National Climatic Data Center.

Dalla fine degli anni ’70 e per tutti gli anni ’80 il mondo del computing era diviso in rigorosamente in due: da un lato i computer seri, grossi mainframe nascosti in stanze condizionate e gestiti da sacerdoti in camice bianco, a cui solo pochi fortunati potevano accedere collegandosi in remoto tramite un videoterminale stupido; dall’altro i personal computer, oggetti costosi e fortemente limitati ma che permettevano a tutti di usare un computer in casa o in ufficio. In pochi anni i personal computer sono cresciuti e hanno soppiantato i mainframe, rimasti solo in qualche azienda o centro di ricerca avanzato.

Oggi che i personal computer sono ultrapotenti e alla portata di tutti, stanno diventando centrali i servizi cloud come Amazon Web Services (AWS) o Google Cloud e Microsoft Azure, che permettono di usare dei sistemi di calcolo potenti e adattabili alle necessità del momento senza doversi sobbarcare dell’acquisto e della gestione di computer fisici.

Magari fra qualche anno il modo normale di usare un computer sarà quello di collegarsi in remoto ad un sistema cloud tramite un semplice portatile o tablet. E il cerchio si chiuderà un’altra volta.

Tagged with: , , , , , , , ,
Pubblicato su software
2 comments on “Corsi e ricorsi
  1. MailMaster C. ha detto:

    Ormai ci sono soluzioni cloud in cui si affittano CPU e GPU per giocare ai recenti videogiochi alla massima risoluzione e fps, a patto di avere una buona connessione internet. Quindi sembrerebbe venir meno anche la necessità di avere in casa computer potenti solo per giocare, bastano terminali “stupidi”, nel senso di poco capaci, per fare belle partite online. A ulteriore conferma della chiusura del cerchio di cui parli.

    "Mi piace"

    • Sabino Maggi ha detto:

      Senza alcun dubbio, di fatto il cloud computing “pieno” sarebbe già possibile oggi, c’è solo la questione prezzo che fa da freno. Ma secondo me i prezzi si ridurranno tanto (come è già successo con il 3/4G e l’ADSL/fibra) da renderlo economicamente conveneniente.
      Per motivi di lavoro ho confrontato alcune soluzioni cloud esistenti con l’acquisto di una o più workstation super accessoriate, con RAM, CPU e GPU in abbondanza. Queste ultime vincono ancora a livello di prezzo, ma solo perché è disponibile qualcuno (io) che può gestirle a costo zero. Fra qualche anno anche questo (piccolo) vantaggio non ci sarà più.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: