Sopravvivere al coronavirus: scende o non scende?

Sono reduce, mio malgrado, da una polemica su Twitter, relativa alla discesa della curva dei contagi COVID-19, circa la quale avevo affermato un mesetto fa che non sarebbe scesa.

E per i quindici-venti giorni di cui si parlava in quei tweet le cose sono andate proprio così. Una persona normale la chiude lì e pensa ad altro.

Invece, dopo un mese arriva il cinguettante con il quale avevo polemizzato a suo tempo ad informarmi che “ora la curva sta scendendo“, dandomi del “ciglione maledetto” e del “nefasto ipocondriaco” per aver, a suo dire, sbagliato le previsioni.1

Se fossi una persona più accomodante l’avrei lasciato perdere: è vero che ora la curva ufficiale sembra scendere (sembra!), ma fino alla metà di luglio (fino al 12 luglio per essere esatti) è sempre salita, come si può notare guardando i dati giornalieri della Dashboard COVID-19 della Protezione Civile e di Repubblica, o quelli mediati a 7 giorni del Sole 24 Ore (dove il picco è più basso proprio perché è una media). E dato che nel tweet incriminato la previsione si limitava proprio all’inizio/metà luglio, solo un cinguettante da strapazzo può spargere accuse gratuite.


Contagi giornalieri. Fonte: Dashboard della Protezione Civile.


Contagi giornalieri. Fonte: Repubblica.


Media mobile a 7 giorni dei contagi giornalieri. Fonte: Fondazione Sole 24 Ore.

Prima e seconda fase

Ma con i dati ci lavoro e quindi mi sembra utile dire qualcosa su questa benedetta curva dei contagi, spiegando perché sono convinto che i numeri relativi ai positivi di quest’anno siano profondamente diversi di quelli dei due anni precedenti della pandemia. Perché guardare i dati non basta, bisogna anche metterli nel contesto giusto.


Contagi giornalieri, prima fase. Fonte: Dashboard della Protezione Civile.

Nella primissima fase della pandemia, diciamo da marzo a ottobre 2020, corrispondente al primo, durissimo, lockdown e alla successiva tranquillità estiva, il numero di contagi è sempre stato sottostimato a causa della scarsa capacità di analisi dei tamponi. Una cosa che aveva messo a durissima prova sia la strumentazione che gli addetti ai test, tanto che si era arrivati a proporre delle strategie statistiche per analizzare gruppi di pazienti al posto dei singoli individui, con lo scopo di minimizzare il numero complessivo dei test.

In Italia i tamponi venivano effettuati praticamente solo su chi presentava dei sintomi manifesti associabili al coronavirus, sballando tutte le analisi statistiche sulla diffusione reale del virus. Di conseguenza il rapporto fra i contagi stimati e i decessi era altissimo, una cosa che se fosse stata vera sarebbe stata paurosa. Per fortuna questa stima si è rivelata del tutto sballata.

Nei fatti, invece, la diffusione del virus era relativamente bassa, anche in virtù del lockdown rigido imposto dal Governo, tanto che i pochi ammalati (relativamente parlando) soffrivano di una specie di stigma nei confronti del resto della loro comunità di riferimento.


Contagi giornalieri, seconda fase. Fonte: Dashboard della Protezione Civile.

La seconda fase dura più o meno un anno, dalla seconda ondata dell’autunno 2020 fino al tardo autunno del 2021. Qui emergono le prime varianti, si inizia a capire di più su come si diffonde realmente il virus, il numero di test giornalieri cresce significativamente ma soprattutto si riesce a vaccinare in pochi mesi l’intera popolazione italiana, a parte una piccola percentuale di riottosi novax senza cervello che si inventano di tutto per negare la pandemia e accusare i presunti poteri forti di aver messo chissà cosa nei vaccini.

Ora i test aumentano in modo significativo, tanto che il picco giornaliero dei nuovi positivi è circa 7 volte maggiore di quello, pauroso, di fine marzo 2020, mentre il numero di decessi giornalieri non cambia (si veda il grafico qui sotto), a dimostrazione del fatto che ora i test sono meno focalizzati solo su chi mostra già i sintomi della malattia.

Purtroppo, e questo è una degli errori più gravi commessi dai vari tavoli di esperti ministeriali che hanno gestito la pandemia in questi due anni e (quasi) mezzo, non si è mai arrivati ad effettuare i test nel modo statisticamente corretto, analizzando cioè campioni della popolazione scelti a caso e non chi si presenta autonomamente nei centri di analisi o presenta sintomi più o meno associabili al coronavirus. Ma tant’è, purtroppo la matematica e la statistica sono oggetti sconosciuti per la stragrande maggioranza della popolazione ma anche per tanti, troppi, scienziati.


Decessi giornalieri, raffronto fra il primo e il secondo picco. Fonte: Repubblica.

Terza fase


Contagi giornalieri, terza fase. Fonte: Dashboard della Protezione Civile.

La terza fase è quella che stiamo vivendo tuttora, caratterizzata dalla varie varianti Omicron che ha scombinato un po’ tutte le certezze precedenti. Omicron si diffonde in modo velocissimo, e il numero giornaliero dei contagi lo mostra chiaramente. Anche il fatto che i contagi proseguano in modo significativo anche in questo periodo estivo (e nonostante tutte le perplessità sui numeri veri esposte più avanti), mostra come Omicron si trasmetta in modo significativamente diverso dal passato, una cosa su cui non c’è ancora molta chiarezza.

Ma Omicron è per fortuna anche molto meno letale delle varianti precedenti, una cosa che associata ai vaccini porta quasi tutti a ritenere che la pandemia sia di fatto finita o almeno sotto controllo.

Una idea che ha portato negli ultimi due mesi a far cadere tutte le restrizioni, tutte le precauzioni sagge che ci avevano scombinato la vita ma che ci avevano anche protetto dagli effetti più seri del COVID-19.2

E quindi via il Green Pass, via le mascherine, via le precauzioni sugli assembramenti, via tutto, l’estate sta arrivando e bisogna festeggiare la libertà ritrovata.

Ma la terza fase apre la strada anche ai tamponi rapidi fai-da-te, da fare a casa senza controlli sia sul modo di effettuare i test che sui risultati. Per cui tanti fanno il test immediatamente dopo un contatto e risultano negativi, non perché non lo siano ma solo perché è troppo presto per manifestare l’infezione. Oppure non infilano il tampone sufficientemente in profondità nel naso, perché è fastidioso, e quindi il campione di mucosa prelevato non contiene nulla di significativo da analizzare.

E se nonostante tutto risultano positivi, non lo comunicano ufficialmente per non perdere la prossima festa, per non chiudere l’attività o semplicemente per non doversi rinchiudere in casa per una decina di giorni. Andandosene così in giro a contagiare chi gli capita a tiro ed eludendo un isolamento precauzionale che non è solo un obbligo di legge, ma che dovrebbe essere soprattutto un obbligo morale (per chi la morale ce l’ha).

Numeri in libertà

Con questi tamponi fai-da-te amministrati senza controllo,3 associati alla fine del Green Pass e di tutte le misure di protezione e di prevenzione nonché all’elusione delle misure di isolamento precauzionale, come si fa a pensare che il numero dei positivi sia ancora, nell’estate 2022, una metrica affidabile della diffusione reale della pandemia?

La crescita rapidissima del numero di tamponi rapidi venduti nell’ultimo mese supporta questa chiave di lettura: se i tamponi fai-da-te crescono nel tempo e diventano sempre più numerosi in rapporto a quelli amministrati in modo controllato, è evidente che anche l’affidabilità dei dati ufficiali sui positivi tenda a ridursi sempre di più.

Con queste premesse — maggiore trasmissibilità del virus e controlli meno stringenti sulla verifica dello stato di positività — era facile prevedere che, indipendentemente da quello che dicono le cifre ufficiali, i casi reali non sarebbero diminuiti e la discrepanza fra dati ufficiali e dati reali non avrebbe fatto altro che crescere con il trascorrere del tempo.

Alla faccia dei twitterini da strapazzo e dei seguaci sciocchi che li supportano.


  1. Io non mi offendo facilmente, ma “ipocondriaco” non glielo passo. In famiglia mi tacciano proprio del contrario, e direi che i miei familiari ne posano sapere un pelino di più di un cinguettante da quattro soldi. 
  2. Lo so che il virus tecnicamente si chiama SARS-CoV-2, ma qui si parla più che altro della malattia che del virus in sé. E comunque in un articolo di divulgazione come questo è preferibile usare dei termini comprensibili, anche a scapito di perderci un po’ in precisione. 
  3. Il bello (o il brutto) è che proprio ora che i tamponi antigenici sono diventati più precisi, queste decisioni insensate li hanno resi una barzelletta. 
Tagged with: , , , , ,
Pubblicato su scienza
7 comments on “Sopravvivere al coronavirus: scende o non scende?
  1. Sabino Maggi ha detto:

    Addendum

    Uno dei twitterini che menzionavo sopra mi fa notare, con qualche ragione per una volta, che anche la curva dei decessi sta scendendo, cosa che dovrebbe confermare la (presunta) decrescita dei nuovi casi dopo la metà di luglio.

    Ora, a parte che fra vaccini e nuove varianti non è affatto detto che ci sia ancora una relazione stretta fra nuovi casi positivi e decessi e che questa eventuale relazione meriterebbe di essere studiata con cura e non soltanto affermata sui social senza solidi dati di fatto, basta guardare i dati per avere dei dubbi.

    Questo grafico elaborato dall’INFN mostra la curva temporale dei nuovi decessi degli ultimi mesi

    da cui si notano due cose: la prima è che dall’11-07 in poi i numeri non sono ancora “consolidati”, perché le Regioni li forniscono con molto ritardo (e con molti errori), l’altra è che i numeri dei decessi sono (per fortuna!) molto piccoli, almeno rispetto ai picchi di 7-800 decessi giornalieri delle prime due ondate di marzo-aprile e novembre-dicembre 2020 ed in particolare per la popolazione sotto gli 80 anni, per cui l’errore statistico su questi dati cresce notevolmente.
    Basarsi quindi su dati inconsistenti per affermare che dal 20-07 in poi, una settimana dopo il presunto picco dei positivi, sia iniziata anche la discesa dei decessi può servire a supportare la narrazione corrente che sia “tutto finito”, ma dal punto di vista scientifico è un falso clamoroso.

    Anche se si guardano le curve complete e consolidate dei casi positivi e dei decessi (non le mostro qui per semplicità, ma si trovano sul sito dall’INFN) si notano delle relazioni a livello temporale fra casi e decessi fino ai primi mesi del 2021, ma con il progredire delle vaccinazioni di massa, lo sviluppo delle nuove varianti e certe decisioni politiche come l’obbligo di Green Pass, queste relazioni vanno a farsi benedire e diventano sempre più labili, se non inesistenti, dall’inizio di quest’anno in poi.
    Ripeto, queste cose meriterebbero uno studio approfondito e non solo dei tweet da quattro soldi.

    Infine, già che ci sono, mostro quest’altro grafico, sempre di fonte INFN, che mostra la durata dei ricoveri conclusisi con un decesso

    da cui si vede come i picchi di decessi si siano fortemente ridotti con il passare del tempo (grazie vaccini!) e come ormai la durata media fra ricovero e decesso sia di pochissimi giorni (perché si ricoverano solo i casi gravi), una cosa di cui si dovrebbe tenere conto negli eventuali studi di cui sopra.

    "Mi piace"

  2. MailMaster C ha detto:

    Grazie come sempre per il prezioso supporto statistico/analitico!
    Faccio solo notare che nell’Addendum hai scritto due volte di fila “supportare”.

    Piace a 1 persona

    • Sabino Maggi ha detto:

      Grazie a te per l’apprezzamento! Mi chiedo spesso quanti apprezzino questi post che escono dall’ambito tecnologico/informatico che dovrebbe caratterizzare il blog (e ogni volta mi dico che dovrei smetterla di scriverli). Però è quasi una droga e non ce la faccio a smettere…

      Grazie anche per la correzione, appena posso cancello…

      "Mi piace"

      • MailMaster C ha detto:

        Parlo per me, ma considerato che questo è il tuo blog, ci puoi scrivere quello che vuoi! 🙂 Proprio perché sono purtroppo a digiuno di statistica e analisi di dati, sapere che qualcuno presenta la materia in modo chiaro e comprensibile anche per me, mi fa apprezzare ancora di più i tuoi sforzi. Che poi questo tipo di analisi le legga qui o da qualche altra parte mi cambia poco, basta che ci sia! 😉

        Piace a 1 persona

        • Sabino Maggi ha detto:

          Se mi dici che quello che scrivo è chiaro e comprensibile mi fai un grandissimo complimento. Non è facile presentare certe cose in modo accessibile, io ci provo ma non so mai se e quanto riesco a farlo.

          In quanto al blog, certo tecnicamente è mio, ma sarei ben felice di ricevere spunti e proposte di temi da affrontare o anche post già pronti da pubblicare. Quello che qui mi manca di più è una maggiore interazione con chi legge e non ho mai capito perché i commenti siano così pochi, forse perché non so dare gli spunti giusti.

          "Mi piace"

          • MailMaster C ha detto:

            Il mio caso non fa statistica, ma proprio io che ci capisco poco o nulla ti assicuro che riesco a seguire la maggior parte delle tue argomentazioni, quindi secondo me sai spiegare bene.

            Sul numero di commenti, io personalmente ho poco da aggiungere perché i tuoi post sono talmente esaurienti e precisi che c’è poco da ribattere, soprattutto quando si tratta di dati o ragionamenti scentifici, per i quali per altro non ho abbastanza conoscenze.

            Sugli argomenti a me piacciono molto quelli sulle esperienze personali, di lavoro, studio o altro, che per esempio mettono in luce le differenze fra 40 anni fa e oggi.

            Forse negli argomenti più soggettivi c’è maggiore possibilità di interazione, penso alla carrellata degli sfondi OSX che avevi fatto, o ai tutorial per scaricare/installare OSX d’antan. Potresti provare a ragguppare i post in base al numero di commenti e vedere quali sono gli argomenti correlati, ma sicuramente l’hai già fatto! :))

            Piace a 1 persona

    • Sabino Maggi ha detto:

      In ogni caso dopo le vacanze ci sarà un aggiornamento. I dati reali arrivano con il contagocce, ma il trend continua ad essere quello dell’articolo e soprattutto quello dell’Addendum. Purtroppo.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Informativa
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o su qualunque altro elemento o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Follow MelaBit on WordPress.com
Categorie
Archivi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: